Pubblicato in: Film

Film: Novecento

Locandina del film Novecento
Locandina del film

Durante le vacanze due performance hanno messo a dura prova le mie membra cinquantenni e i miei cinquantenni sensi (in tutto fanno oltre cento):

– un viaggio a Nice (Côte d’Azur)

– la visione del film novecento di Bernardo Bertolucci

Per ciò che riguarda il viaggio a Nizza (Côte d’Azur),da goethiana abitudine ho percorso a piedi i 362 km che la separano dalla mia abitazione, è stata dura affrontare le intemperie di  gennaio e la traversata del col di Tenda con l’unica compagnia del mio fidato sesto senso. Una volta giunto alla meta e riunificato famiglia ed amici ho trascorso tre piacevoli giornate meditando sul quasi simpatico sostantivo Nissa che accomuna la città natale di mia moglie al nazionalismo nizzardo.

La notte tra il 27 e il 28 dicembre dall’una alle sei e trenta del mattino una nota TV (a pagamento) ha trasmesso la versione completa di uno dei più bei film prodotti in Italia: Novecento (QUI il link alla voce su Wikipedia), che dire, a distanza di anni, se possibile, mi toccato ancora più profondamente della prima volta. Fosse per me, renderei obbligatoria la sua visione (con annesse tremende punizioni a chiunque venisse colto leggermente disattento) in tutte le scuole del regno almeno un paio di volte, diciamo in terza e in quinta superiore e, se la marmaglia è gestibile senza vittime, una volta anche durante la scuola media.

Per quanto mi riguarda, nato nel 1960 (il film è del 1976) è come dare un’occhiata ai miei memi (ovvero i geni della memoria), la sua visione equivale a percorrere a ritroso la storia famigliare di ciascuno, le origini della nostra identità. Si rimane scioccati semplicemente confrontando le costrizioni materiali/sociali a cui erano soggette le vite dei nostri genitori/nonni, rispetto all’incredibile libertà di cui godiamo oggi… è un vero delitto vederla sfruttata così, farsi un giretto su facebook e respirare, a fondo, respirare…

Annunci

Autore:

prof. Scienze

2 pensieri riguardo “Film: Novecento

  1. Ha davvero camminato fino a Nizza? Perchè non facciamo una gita del genere, personalmente preferisco camminare per 12 ore che passarle sedute in un bus a ascoltare il mio iPod o parlare di stupidate con gli altri. Come sempre prendo sempre al volo i suoi “consigli” e vedrò di procurarmi Novecento (oggi come oggi non è difficile) e spararmi questo pezzo di cinema da 5 ore e 20 minuti.

    1. devo deluderti Ciambello, nonostante adori camminare, il mio desiderio di viaggiare come nel XIX secolo dovrò, presumo, destinarlo ad un’altra vita… il resto è comunque vero e, in un certo senso, anche la camminata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...