Pubblicato in: Didattica, Extrafalarias

Post Pasqua & Pasquetta (PPP)

Io
Moi même

Scopro gli aquilotti molto cresciuti (QUI), un sacco di post arretrati da leggere dai blog che seguo (come se non bastassero i libri e le incombenze domestico-famigliari)… cominciamo dal consigliare una intervista molto interessante al nostro prof. universitario preferito (QUI), condivido quasi tutto quel che dice, spesso leggendo i suoi post scopro sintetizzate idee che la pigrizia o le cattive abitudini mi avevano impedito di formalizzare e chiarire.

In particolare trovo molto interessante questo:”In una società ipercomplessa, che sta appunto evolvendo a perdifiato verso una complessità vertiginosa –ogni due anni raddoppia la quantità di informazione prodotta dall’umanità – lo schema industriale di impippiamento delle nuove generazioni, schema di matrice ottocentesca, si sta rivelando insufficiente. Schema peraltro recentissimo rispetto alla storia della cultura umana, avrà formato sì e no una decina di generazioni. Questa è un’emergenza che viene considerata strategica da chiunque al mondo si occupi di formazione, sviluppo economico, organizzazione, scienza. Organizzazioni internazionali quali l’OCSE o organizzazioni quali McKinsey investono moltissimo nella ricerca sulla formazione. È un problema molto complesso ma c’è generalmente accordo sul fatto che l’istruzione debba essere sempre meno mera istruzione e sempre più capacità di acquisire informazioni, di apprendere autonomamente e di risolvere problemi in ambiente complesso, in ambiente ambiguo.

Voi, come tutti i giovani del mondo avete la più grande forza che la Natura abbia prodotto, a nostra conoscenza: la capacità di apprendere, che da bambini prorompe con grande evidenza. L’attuale sistema di (mera) istruzione soffoca in grande misura questa capacità innata.

Tanto per fare un esempio, ho potuto constatare di persona, come è ovvio e perché il tema mi interessa, le capacità di risolvere problemi di matematica degli studenti di V liceo scientifico: autonomia di pensiero = 0.

Qualcuno crede che io voglia fare a meno della scuola. No, proprio perché la formazione è un fattore strategico, penso che la scuola sia cruciale ma penso che vada veramente rivista radicalmente.

Perfetta sintesi di ciò che penso da qualche anno, è terribile immaginare le classi delle scuole superiori italiane fra una decina d’anni, insegnanti con età media che oscillerà sinistramente intorno ai sessant’anni, dentiera nel bicchiere, possibilità di interazione prossima allo zero…

Annunci

Autore:

prof. Scienze

6 pensieri riguardo “Post Pasqua & Pasquetta (PPP)

  1. Certo che l’immagine della dentiera nel bicchiere è proprio agghiacciante (anche se mi ha fatto sorridere). Però non si può negare sia la verità. Se poi si pensa alla scuola primaria e dell’infanzia c’è di che avere pietà di quelle maestre. Dei piccoli va da sè.

  2. Non so se essere più terrorizzato al pensiero di ciò che accadrà a me: 50 + 10 = 60, pensione prevista, salvo sorprese, 62…i conti son presto fatti…
    o a mia figlia: 10 anni, permanenza alle scuole medie inferiori e superiori prevista dal 2011 al 2019… ad occhio sembrano gli anni migliori per assistere al disfacimento del corpo docente (in tutti i sensi).
    La dentiera nel bicchiere (ovviamente sulla cattedra) è stata la prima cosa che ho pensato di fare non appena mi sono reso conto:
    – degli effetti della riforma Gelmini,
    – dell’andazzo nella scuola superiore (dal mio limitato punto di osservazione),
    – dell’evoluzione dei comportamenti adolescenziali nell’ormai ex nuovo millennio (per quel poco che capisco).
    A proposito Maria Grazia, complimenti per quello che riesci a fare!

    1. Infatti era proprio sulla cattedra che me la immaginavo… 😀 Da piccola i miei nonni la tenevano sul comodino e l’immagine è saltata fuori immediatamente.
      Grazie per i complimenti (a qualsiasi cosa tu ti riferisca) 😉 E’ un periodo in cui sto valutando seriamente di ritirarmi a fare marmellate…

      1. Ho dato un’occhiata a quello che fai, mi è sembrato interessante e necessario di tempo, entusiasmo e qualità… ho pensato alle incombenze con una sola figlia e una sola moglie, ho moltiplicato per tre (più o meno)… ho sentito il bisogno di complimentarmi!

      2. Allora aggiungo io un complimento di chiusura (e la chiudiamo qui, ok?): il tuo blog mi piace (anche se non sono una fan dei menu “zampillanti”) ma, più di tutto, trovo delizioso il tuo avatar. E’ troppo simpatico! Beh, ci becchiamo in giro per la Rete, allora 😉 Ciao 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...